Italian

Aria 8, un'oasi sul Tagliamento

SAN VITO AL TAGLIAMENTO Domani in Consiglio comunale l’approvazione della variante al Prgc

Previsti spostamenti degli impianti di lavorazioni d’inerti e creazione di un percorso vita


04/02/2007

San Vito al Tagliamento

Un'oasi di quasi mille ettari dove si snoderanno percorsi naturalistici aperti alle scolaresche con spazio per le attività sportive come jogging e mountain bike. Un'ampia fetta dell'ambito del Tagliamento diventerà così una riserva naturale. Uno dei passi decisivi in questa direzione verrà compiuto domani, quando il Consiglio comunale sarà chiamato ad approvare la variante n. 28 al Prgc che interessa l'Area di rilevante interesse ambientale (Aria) del Tagliamento 8. Il progetto punta alla salvaguardia e alla valorizzazione dei contenuti naturali, fisici, geomorfologici, vegetali e faunistici presenti nell'ambito del fiume, oltre alla tutela degli elementi storici e delle valenze del paesaggio rurale tradizionale e del coordinamento con gli aspetti di tutela da rischio idrogeologico con quelli naturalistici e ambientali.

Il consiglio recepirà, nella seduta di domani, cinque riserve mosse dall'ente regionale. La prima è legata all'inserimento del perimetro di Aria che si estende per 969 ettari - nel Piano regolatore generale comunale; la seconda, nell'individuazione dei contenuti paesaggistici e dell'attuale presenza di strutture ludico-sportive, oltre all'elenco delle associazioni che svolgono attività all'interno. Sotto questo aspetto, con l'entrata in vigore di Aria 8, ci sarà solo la possibilità di eventuali piccoli ampliamenti delle strutture esistenti, mentre le associazioni che volessero usufruire di uno spazio all'interno di Aria dovranno per forza avere l'autorizzazione sia dal Comune che dalla Regione.

La terza eccezione ha richiesto la definizione delle cosiddette aree di decelarazione trasformativa: è stata pertanto tracciata una mappa della viabilità e delle aree agricole esistenti al di fuori del perimetro di Aria 8.

La quarta riserva prevede l'inserimento nella nuova oasi dell'ex discarica d'inerti a nord della zona industriale Ponte Rosso, mentre la quinta riserva coinvolge gli impianti di lavorazioni d'inerti presenti all'interno di Aria 8: viene sì consentita la lavorazioni per i due siti attualmente presenti nella zona del Tagliamento, ma con l'attesa che un domani vengano spostati in altro ambito.

Dopo il passaggio in Consiglio comunale, ci sarà l'approvazione definitiva della Regione e quindi, tra circa due mesi, dopo la pubblicazione sul Bur, Aria 8 sarà realtà.

«L'obiettivo è quello di realizzare un percorso vita all'interno del Tagliamento ha annunciato intanto l'assessore all'Ambiente Tiziano Centis -. È già stata messa a bilancio una voce per l'acquisto di cartellonistica per dare una serie di informazioni a chi visita l'ambito naturalistico. In futuro, pensiamo di realizzare percorsi per permettere visite guidate per gli studenti delle scuole, oltre a sentieri dedicati allo jogging e alla mountain bike».

Emanuele Minca

dal Gazzettino on-line