Italian

Un disastro la gestione dei rifiuti

01/04/2007

Un disastro la gestione dei rifiuti

Bello vedere i rifuti ogni giovedì mattina davanti a tutte la nostre case? Due settimane dopo la mia segnalazione, che ha trovato solidarietà nei miei confronti da molte persone, riguardante la piazzola ecologica, mi è capitato di ripassare e di verificare di persona in questi giorni lo stato di degrado in cui si trova ancora, nulla è cambiato, penso ora sia doveroso porre alcune domande all'assessore Centis. Inizio proprio da ciò visto che egli ha asserito che è solo un caso isolato mentre non è assolutamente così, ma la normale quotidianità di tale sito, del sito di via Zuccherificio e di molte altre zone della nostra cittadina.

Ora pare assurdo vedere oggi questa zona del nostro paese in simili condizioni dopo una lunga serie di incontri, antecedenti la raccolta differenziata e promossi dallo stesso assessore, che anziché educare e aiutare la gente in questo cambio di gestione dei rifiuti sono serviti a fare propaganda. Credo però che la gente capisca. La pura e semplice verità è che la nuova raccolta differenziata ha causato dubbi, incertezze e difficoltà tra la gente comune e per tale motivo e per il fatto che le famiglie sanvitesi hanno immondizie in surplus (ovvero non riescono a contenerle nei propri bidoni) è normale che le portino il fine settimana nella piazzola di Ligugnana ove non si paga nulla in più e si può portare una quantità infinita di rifiuti, per questo motivo ritengo ridicolo accusare la popolazione sanvitese di mancanza di rispetto o inciviltà ma penso piuttosto ragionevole addebitare le colpe all'amministrazione sanvitese.

Mi è capitato in questi giorni di poter vedere con i miei occhi l'incredibile coda al di fuori della piazzola il sabato mattina e l'innumerevole quantità di persone presenti, inoltre invito chiunque a girare per le vie della nostra cittadina il giovedì mattina, giorno dopo cui vengono messi fuori dalle case i bidoni con grandi quantità di immondizie a fianco, una cosa indecorosa presente in tutti gli angoli della periferia sanvitese e del centro. In fatto che dimostra l'inadeguatezza di questa giunta a risolvere i problemi della comunità sanvitese. Forza Italia, come gruppo politico, aveva già chiesto in precedenza, grazie al consigliere Antonio Bornacin, che si cambiasse la cadenza quindicennale della raccolta rifiuti e aveva sollevato i giusti dubbi, anche da me posti riguardo alle numerose fermate che i mezzi dell'Ambiente Servizi fanno rispetto a prima comportando così costi di carburante in più e maggior tempo per la raccolta, tutto che andrà a carico dei poveri e tartassati cittadini sanvitesi.

Poi da parte mia prima dell'inserimento di questo tipo di raccolta differenziata avrei potuto proporre di dotare ogni via di un bidone per ogni tipo di rifiuto con la dotazione a ogni abitante della via di chave con relativo codice a barre per portare i rifiuti e sapere di chi fosse, credo questa fosse la linea principale da modificare ma purtroppo è tardi.

Una soluzione che ritengo opportuna e significativa credo sia quella, che ove vi fosse il perdurare di tale situazione, di poter chiedere le dimissioni dell'assessore chiamato in causa vista la sua indifferenza nel risolvere il problema molto sentito dalla comunità sanvitese.

Mi sembra una richiesta più che lecita dato che è una grave lacuna questa e come tale chi sbaglia nella propria materia non una ma due volte deve assumersi le proprie le colpe ed andarsene a casa.

Iacopo Chiaruttini

Forza Italia Giovani - San Vito al Tagliamento

dal Gazzettino on-line